GEDA FABIO – NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI – DSA
18 agosto 1989
GARLANDO LUIGI – PER QUESTO MI CHIAMO GIOVANNI – DSA
6 marzo 1990

GATTI FABRIZIO – VIKI CHE VOLEVA ANDARE A SCUOLA – DSA

GATTI FABRIZIO VIKI CHE VOLEVA ANDARE A SCUOLA COPERTINA

GATTI FABRIZIO

VIKI CHE VOLEVA

ANDARE A SCUOLA

ANTEPRIMA DSA

Fare Clik per visualizzare il testo PDF,    Poi per ascoltare l’audio occorre scaricare il PDF (download ) sul PC  e visualizzarlo con Acrobat reader (occorre il plugin Flash player)

La vicenda di Viki ha occupato per parecchio tempo le pagine di cronaca del Corriere della Sera. A scoprirla e raccontarla è stato un cronista che perlustrando la periferia di Milano, una sera d’inverno, in cerca di storie, ha visto un bambino fare ritorno da solo, nel buio, in una baraccopoli popolata da clandestini. Viki e la sua famiglia vengono dall’Albania e stanno cercando di inventarsi una nuova vita in Italia. Non è facile, perché non sono in regola. Ma Viki ha una marcia in più: è bravo a scuola, vuole imparare.
La storia di Viki è la storia vera di chi insegue un sogno, che è poi lo stesso sogno per tutti quelli che hanno abbandonato la loro terra alla ricerca di una vita migliore, una vita nuova. Il racconto inizia lontano, oltre il mar Adriatico. Viki, la mamma Mara e la sorellina Brunilda partono dall’Albania per riunirsi al padre emigrato e clandestino a Milano. Un viaggio spaventoso in balia del mare in tempesta e, peggio ancora, degli scafisti, per i quali la vita umana vale meno che niente. Una volta arrivati nella ricca Milano, Viki troverà la crudele sorpresa di una vita al limite del vivibile tra fango, topi e freddo, in compagnia della paura. Viki sopporta tutto, perché ha un obiettivo: desidera a tutti i costi studiare. E lo desiderano anche i suoi genitori. L’integrazione passa necessariamente dalla scolarizzazione. Così il padre parla con le maestre di una scuola, disposte ad accoglierlo in classe. Solitario spiraglio di normalità è la scuola dove il ragazzino viene accolto con umano calore. Una storia vera, una volta tanto a lieto fine, per riflettere su parole come accoglienza, integrazione, solidarietà.

Intercultura, società, storie di ragazzi e ragazze
Dagli 11 anni

Scarica il libro scelto dalla biblioteca on line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>