RODARI GIANNI – LA FRECCIA AZZURRA
14/11/1957
RAMELLO BEPPE – ELEMENTARE WATSON
06/12/1957

REUTER BJARNE

ELISE E IL CANE DI SECONDA MANO

Elise, la protagonista, vive a Copenaghen con il padre, che suona il violino ai matrimoni ed è un tipo assai simpatico, e vuole molto bene a Elise, come del resto tutti i componenti della famiglia. Dal bisnonno che vive in una casa di riposo e desidererebbe Miss Messico come badante, alla nonna che vive in un mulino dove a un certo punto della storia tutti i familiari si troveranno a festeggiare Halloween travestiti e spaventosamente nascosti; alla giovane zia Fie che gira su una due cavalli decappottabile verde e si diverte sui pattini a rotelle con Elise, mangiando hot dog e facendo brunch. E che dire della vicina di casa, soprannominata signora Martini, per una certa qual passione di bevute? E infine c’è la mamma, che profuma “di scaglie di sapone, dentifricio, pioggia e tabacco”, che sta in Brasile per costruire un ponte – questo il suo lavoro -, la cui lontananza, per Elise, è più una malinconica presenza che un’assenza. Elise è una bambina sveglia, molto sveglia, alquanto cocciuta, e desidera moltissimo un cane. Tanto che un giorno convince il padre a prenderne uno, di seconda mano, però. E secondo voi, in una famiglia con tali premesse, che cane potrebbe mai approdare? Un cane decisamente bizzarro, non solo perché parla, e “parla in perfetto accento danese con l’accento scozzese”, ma anche perché ha un bel caratterino; e si chiama Duddi. E se il cane parli davvero o sia tutta un’invenzione di Elise è argomento di continua discussione tra Elise stessa e gli altri componenti della famiglia, in particolare la zia; mentre il dubbio resterà sempre anche nel lettore. [fonte: galline volanti, blog specializzato]

Emozioni, Humor, romanzi di formazione, storie di ragazzi e ragazze; DA OTTO anni e oltre.

Scarica il libro scelto dalla biblioteca on line

Comments are closed.