SALGARI EMILIO – I MISTERI DELLA JUNGLA NERA – IPV
5 settembre 1955
RUSSO LAURA – UNA NOTTE DI PAURA – DSA
23 marzo 1956

SACHAR LOIS – BUCHI NEL DESERTO – DSA

SACHAR LOIS

BUCHI

NEL DESERTO

ANTEPRIMA

Fare Clik per visualizzare il testo PDF,    Poi per ascoltare l’audio occorre scaricare il PDF (download ) sul PC  e visualizzarlo con Acrobat reader (occorre il plugin Flash player)

Buchi nel deserto,  non è un libro qualunque, bensì un piccolo gioiello.
nasconde un tesoro sepolto tra le pagine tanto quanto la sabbia nasconde i buchi di cui si parla nel titolo.
Immaginate una distesa di sabbia senza fine, un deserto che sorge lì dove un tempo c’era un lago di proporzioni gigantesche. E’ Campo Lago Verde, un centro di recupero sperduto da qualche parte nel Texas in cui i ragazzini che si macchiano di un reato vengono spediti per un periodo di rieducazione.
I giovani ospiti non sono segregati, maltrattati o denutriti, ma devono ugualmente faticare. Ogni giorno, difatti, ciascuno di loro è costretto a scavare un grosso buco nella sabbia con un badile, largo e profondo un metro e mezzo, e finché non ha finito non può ritirarsi a riposare. Fuggire non è possibile,tutto intorno si estende un deserto infestato da tarantole, serpenti a sonagli e soprattutto dalle terribili e pericolosissime lucertole a macchie gialle, il cui morso è fatale.
Stanley Yelnats, è un ragazzo grasso e decisamente sfortunato, finito a Campo Lago Verde per un errore giudiziario, accusato di aver rubato un paio di scarpe molto preziose, appartenute a una celebrità sportiva.
Inizia a porsi delle domande? Perché  l’Intendente, il minaccioso responsabile del centro rieducativo, e la sua squadra di assistenti facciano scavare i prigionieri per temprare il loro carattere? E se dietro invece ci fosse un motivo ben preciso? Un motivo che risale a una storia vecchia di cento anni, a cui si intrecciano tante altre storie affascinanti e imprevedibili?

Giallo. Storie di ragazzi e ragazze; Dai 9 anni

Scarica il libro scelto dalla biblioteca on line

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>