VERBALE ASSEMBLEA SOCIALE DI ADOV ASSOCIAZIONE DONATORI DI VOCE GENOVA 21 MAGGIO 2022 ore 21 SU ZOOM

ORDINE DEL GIORNO ASSEMBLEA ORDINARIA 2022
20/05/2022
NOVITA’ PER IL MESE DI GIUGNO 2022
02/06/2022

VERBALE ASSEMBLEA SOCIALE DI ADOV ASSOCIAZIONE DONATORI DI VOCE GENOVA 21 MAGGIO 2022 ore 21 SU ZOOM

ASSEMBLEA SOCIALE DI ADOV ASSOCIAZIONE DONATORI DI VOCE GENOVA

Teleconferenza via Zoom 21 MAGGIO 2022

VERBALE

click per visualizzare e scaricare il verbale in formato PDF/A

Nota: a causa di un disguido tecnico della piattaforma Zoom la riunione viene gestita in modalità base, ovvero con interruzione della sessione ogni quaranta minuti e successiva riapertura, senza la possibilità di registrazione audio/video e senza possibilità di salvare i report sulle presenze e sugli ingressi/uscite dei soci.

La registrazione dell’assemblea è fatta tramite un dispositivo esterno di registrazione vocale.

Alle ore 9 iniziano le procedure di ammissione dei soci presenti in remoto che sono identificati e inseriti nel verbale di ammissione.

Entrano, verbalizzati a voce alta dal presidente al momento dell’ingresso (a fianco sono riportate le deleghe di cui il socio entrante è portatore)  i seguenti soci (in ordine alfabetico):

PRESENTI delega1 delega2 delega3
Anna Maria Berninzone
Antonella Mongiardino Laura Iacomino Marialuisa Pili Simona Rodi
Beatrice Ghersi Enrica Andreoni Enrica Pedemonte Fabrizio Rosasco
Cristina Romano Paolo Martinetti Monica Biagini
Elena Bergaglio Cristina Valente Monica Luzzio Roberta Berretti
Elisa Bortolini
Francesca Cassini
Leila Caccia Maria Grasso Gabriella Brutto Dario Carere
Luisa Brina Donatella Erba Elisa Bernardello Lorella Fabiano
Mafalda Mannu Oriana Villaci Nella Marras Natalina Bussino
Mara Iervasi Tiziana Dorigo Monica Luzzio
Marica Roda Francesca Montagna Luana Cosso Claudia Lasagna
Marina Civano Gianna Parodi Corrado Testoni Patrizia Ferrari
Maristella Campagnola
Massimo Caleri Barbara Pernati Alberto Culot Sara Crippa
Mirella Fava
Paolo Pollone
Rita Femia
Rita Nuzzolo Marco Solimano Ilaria Curti Luciana Cavaglia’
Roberto Cesaretti Luciana Crosetti Maura Cappellieri Fabrizio Marchesano
Rocco Rocca
Rosalba Gherzi
Serena Allemanni Deborah Valentini Grandi Monica Cerini Giuseppe Nunnari
Vilma Rivera

 

Terminate le operazioni preliminari, essendo tutte le deleghe state comunicate, controllate e accettate in precedenza dal Presidente, l’Assemblea inizia alle 9,20 con la presenza di 65 voti validi (24 presenti, oltre a 41 deleghe) su 99 Soci (66%)

Il Presidente espone le regole di partecipazione all’assemblea.

Si dà avvio ai lavori dell’assemblea secondo il seguente Odg:

1.) Stato della compagine sociale.

2) La formazione all’uso del software di registrazione e gestione di Mp3 e PDF

3) La formazione alla lettura espressiva

4)  La nuova Biblioteca:

o    Statistiche di iscrizione 

o    Statistiche di utilizzo

5)  Presentazione delle Relazioni di Bilancio:

o    per l’anno 2021

o     per l’anno maggio 2021 – aprile 2022 

 

Punto 1 Stato della compagine sociale.
(CTRL+click per accedere al documento)

Il Presidente mostra un grafico che rappresenta la situazione attuale dell’associazione.

Dal 2020, quando sono state interrotte le iscrizioni per la sopravvenuta impossibilità di gestirle e si è data avvio alla fase di ristrutturazione del lavoro, l’Adov ha perso quella trentina di nuovi soci che accedevano ogni anno e che compensavano le perdite annuali di soci che cessavano.

La flessione dell’ultimo anno è di 29 unità e il totale dei soci è di 99.

Nell’ultimo anno sono cessati non solo soci recenti, come di consuetudine ma anche soci che sono stati iscritti per molti anni: sempre però soci non lettori. Di regola chi smette di leggere alla fine lascia anche l’associazione.

Dei soci cessati 14 non hanno mai letto, ovvero hanno abbandonato prima di iniziare a leggere gli altri hanno smesso di leggere prima dell’aprile 2021.

Tenendo conto che una parte di soci lettori (14) è diventata socio sostenitore abbiamo perso 28 lettori. Mentre prima avevamo 106 lettori ora ne abbiamo 78 sul totale di 99 soci.

Questo quadro non ha portato, apparentemente, una flessione nell’attività di lettura e nel 2021 abbiamo letto più o meno come gli altri anni, da 8 a 10 libri al mese.

E’ dunque necessario riaprire le iscrizioni anche se non è facile. Il blocco delle iscrizioni dal 2020 ha probabilmente creato un ostacolo per i potenziali nuovi soci che, o hanno rinunciato o si sono rivolti altrove.

Quindi occorre fare promozione per avvicinare nuovi potenziali lettori, tramite il passaparola ma, eventualmente tramite il Celivo che è in nostro contatto genovese.

Dobbiamo organizzarci con la struttura che abbiamo, con i tutors che abbiamo, per l’accoglienza e la formazione dei nuovi soci.

Abbiamo identificato un sistema di accoglienza completamente nuovo che si basa per una parte su strumenti di autoformazione sia tecnica sia sulla qualità della lettura (disponibilità di tutorials). Dall’altra parte è necessaria anche una disponibilità personale al contatto. Non abbiamo più una persona come Silvestro Silvestri che ha fatto per anni l’addestratore. L’autoformazione è basilare ma i nuovi soci devono trovare nell’associazione anche qualcuno con cui confrontarsi, a cui fare domande, da cui essere sostenuti nelle prime difficoltà.

Dunque, gli strumenti di autoformazione disponibili devono servire ai tutors per sostenere la formazione dei nuovi soci. La nuova modalità di accesso all’associazione che noi proponiamo è che quando un nuovo socio è ammesso all’associazione sia affidato direttamente a un tutor.

Una socia chiede se dopo la momentanea interruzione della riunione occorre richiedere un nuovo accesso con le modalità iniziali. Il presidente conferma.

Punto 2) – La formazione all’uso del software di registrazione e gestione di Mp3 e PDF
(CTRL+click per accedere al documento)

Il Presidente sottolinea che la formazione ha due aspetti: uso del software e lettura espressiva

Sono disponibili una serie di tutorials nella cartella condivisa di Dropbox/SCAMBIO.

Silvestro Silvestri è stato un istruttore formidabile. Era abile nel fare filtro tra le persone che gli sembravano molto motivate all’apprendimento e quelle che invece lo erano di meno, dedicandosi con grande impegno e disponibilità ai primi.

Questo metodo non solo era insostenibile alla distanza per il carico di lavoro (motivo per il quale alla fine Silvestro ha rinunciato), ma era anche insoddisfacente dal punto di vista dei risultati: la formazione fatta ad personam non è, inevitabilmente, precisa e sistematica dovendo rispondere alle richieste del momento dell’addestrato.

Succedeva così che circa il 75% dei nuovi soci non diventava un lettore stabile per Adov. Abbiamo avuto soci in là con gli anni per i quali la parte tecnica del lavoro di lettura costituiva un ostacolo insormontabile e una fonte di ansia.

La sicurezza di sapere quali sono le procedure di lavoro e la possibilità di ricontrollarle ad ogni dubbio sono fattori fondamentali di un buon addestramento e per il successivo mantenimento di uno standard condiviso che garantista una omogenea qualità di produzione.

Abbiamo prodotto una serie di tutorials audio/video che consentono di accedere in autonomia a tutte le informazioni sulle interfacce dei programmi, sugli standard di registrazione e sulle operazioni conclusive di inserimento del sonoro nei file di testo e sulla produzione di un unico file audio per la versione solo mp3.

Sono 9 brevi tutorials facilmente memorizzabili, che si possono riascoltare al bisogno. La durata complessiva è di 1:04 minuti. Il Presidente mostra l’indice dei tutorials con la durata di ciascuno.

Marina Civano comunica l’impossibilità di Anna Carla De Ferrari a partecipare all’assemblea.

Per concludere il Presidente riassume: i tutorials servono ai nuovi lettori e ai tutors che se ne occuperanno, ma possono essere un utile punto di appoggio anche per tutti i soci per rivedere la propria formazione e per verificare il rispetto degli standard comuni. In questo caso si tratta di un consiglio e non di un obbligo. Soci che hanno collaudato da tempo la propria procedura potrebbero non accettare di mettere in discussione quello che sanno già fare e nel modo in cui lo fanno. Chi ha paura di andare incontro a confusioni può continuare a lavorare come ha sempre fatto, ma chi è confidente e sicuro di sé può fare una verifica per vedere se usa il software nella maniera migliore possibile.

Elena Bergaglio, tutor, domanda: prendiamo i tutorial dalla cartella SCAMBIO e la mettiamo nella cartella dei nostri lettori?

Il Presidente risponde che non è opportuno perché questo rischia una possibile diffusione non voluta del materiale. I tutors hanno libero accesso ai tutorials e si regolano sulla loro messa a disposizione dei soli soci che ne abbiano bisogno.

Il collegamento si interrompe e riprende alle 9:39. Dopo il rientro di tutti i soci l’assemblea riprende.

Leila Caccia chiede se si è pensato di fare tutorials anche per gli editors.

Il Presidente risponde che no, ma la consigliera Marica Roda, comunica in chat che sta pensando anche a predisporre materiale per gli editors.

La nuova socia Maristella Campagnola è richiesta di un parere sui tutorial tecnici; parere positivo per la semplicità dei medesimi.

Marina Civano che usa un programma di merge diverso da quello spiegato nel tutorial e che ancora fa materialmente il merge per i suoi lettori, chiede se ci sarà disponibilità di materiale su Freac-merge, in modo da poterlo proporre almeno ad alcuni dei suoi lettori.

La consigliera Roda comunica che appena possibile realizzerà un tutorial su Freac.

 

Punto 3)  La formazione alla lettura espressiva
(CTRL+click per accedere al documento)

Il Presidente parte dalla constatazione che tutti gli attuali lettori sono tali da almeno due anni per arrivare ai 10/12 anni di attività.

Ma, leggiamo bene? Benino?, abbastanza bene?

L’associazione ha smesso di proporre ai soci corsi di formazione alla lettura dopo averne fatto otto, uno ogni anno, dal 2012 al 2019.

Il numero di persone coinvolte supera le cento ma non sappiamo quanti dei lettori attivi vi abbiano partecipato. Certamente i soci dal 2019 in poi non hanno fatto corsi. E’ probabile che quasi la metà dei nostri lettori non abbia avuto una formazione di supporto.

Si tratta dunque di recuperare un pregresso o riattivare questa forma di addestramento perché abbiamo sempre pensato che leggere bene sia fondamentale per supportare i nostri particolari utenti con una lettura professionale di alto livello per capacità comunicativa.

I dati forniti dalla nostra nuova biblioteca che permettono l’analisi dei nostri utenti ci conferma in questa convinzione.

La registrazione di un utente alla Biblioteca è, secondo un’espressione matematica, un ‘evento raro’ e, chiaramente, non è frutto delle nostre modeste campagne di promozione. Si iscrivono ragazzi spinti da una forte motivazione famigliare o istituzionale: si tratta dunque di una iscrizione condizionata e nostro compito è mantenere i lettori dopo che li abbiamo acquistati la prima volta. Dobbiamo conquistarli alla lettura, fare in modo che decidano di continuare a leggere.

Per non fare loro sprecare questa opportunità dobbiamo essere molto bravi.

I corsi di lettura espressiva servono a diventare molto più bravi di quello che siamo già elevando la qualità complessiva della nostra lettura.

Il Consiglio ha fatto un grosso investimento (più di 2000 €) per iniziative di formazione.

Abbiamo acquistato dai nostri vecchi formatori (Teatro della tosse), tre pacchetti didattici tra loro integrati. Due pacchetti sono percorsi didattici on line, in video, che possono essere gestiti da ciascun socio in autonomia. Saranno a disposizione di TUTTI i soci Adov, in forma gratuita, illimitata e ad acceso libero, per la durata di un anno (link e password saranno fornite). Un terzo pacchetto didattico è di tipo laboratoriale e consiste di tre corsi live a ciascuno dei quali si suppone possa partecipare una decina di soci per un totale di 30 soci nel corso dell’intera iniziativa.

Ognuno dei tre corsi live è organizzato in cinque incontri a cadenza mensile, sulla piattaforma zoom, per rendere la partecipazione sostenibile ed è fortemente integrato con i due pacchetti didattici in video. Idealmente, grazie alla scansione mensile degli incontri live, c’è un mese di tempo per ascoltare in autonomia la parte dei pacchetti didattici in video propedeutica ad ogni incontro live.

I pacchetti didattici on line sono di due tipi: di fatto si tratta di due corsi simili ma con alcune, fondamentali differenze.

Un primo pacchetto si intitola: Introduzione alla musicalità della lettura espressiva (MLE). E’ un percorso didattico molto semplice composto di 5 moduli tematici (armonia, melodia, timbro, ritmo ecc.), ciascuno organizzato un 4/5 video della durata di pochi minuti. Nei documenti messi a disposizione dei soci nel sito ADOV, in vista dell’assemblea, sin possono trovare tutti i dettagli del progetto.

Su questo pacchetto noi puntiamo per la formazione alla lettura espressiva e avremmo anche intenzione, con la collaborazione dei tutors, di organizzare, a latere dei corsi veri e propri gestiti da docenti specializzati, momenti di incontro collettivo a partecipazione libera per sostenere l’attività di autoformazione attraverso il confronto e la discussione e lo svolgimento degli esercizi presenti nei pacchetti ufficiali.

Il secondo pacchetto a libero accesso on line per tutti i soci si intitola Le basi della lettura espressiva (BLE). Nonostante il nome si tratta di un percorso di autoformazione molto impegnativo che prevede, complessivamente, parecchie ore di ascolto. E’ molto approfondito ed esaustivo, trattando anche di temi specializzati (come si legge un libro del Settecento, l’importanza delle conoscenze di storia della letteratura, lo studio delle biografie degli autori letti ecc.), dedicato a quei soci che volessero approfondire per proprio conto per arrivare a una abilità di lettura professionale.

La nostra opinione è che tutti i lettori, indipendentemente dalla loro abilità dovrebbero accedere al primo pacchetto di materiale, MLE, di autoformazione e dovrebbero iscriversi a uno dei corsi live di cinque incontri mensili (tre scaglioni di iscrizione)

Il presidente chiede ai presenti se sono d’accordo sulla proposta che sarà messa in approvazione, alla fine della riunione insieme agli altri documenti della relazione annuale.

Cristina e altri chiedono se i singoli lettori devono fare richiesta di accesso al materiale on line tramite il proprio tutor. Il Presidente ribadisce che per il materiale on line l’accesso è individuale, completamente libero e gratuito (il costo per l’associazione è di 1200 €) e che link e password, uguali per tutti, sono già stati inviati via mail Sono anche a disposizione in una pagine del nostro sito, che mostra.

 

Diverso è il caso della iscrizione ai corsi live (laboratori) che richiedono una formalizzazione maggiore. Tra le difficoltà di organizzazione c’è anche la calendarizzazione degli incontri in modo che possa andare bene a tutti i partecipanti, considerando che c’è di mezzo l’estate.

 

Il Presidente mostra il calendario degli incontri live messo a punto con i docenti.

I primi due corsi live partono a giugno (13 e 18 giugno) e comportano, come il terzo che partirà a settembre, iscrizione formale da parte dei partecipanti e il versamento di una somma simbolica di 25 € per tutti i cinque incontri.

Il terzo corso ha già, in realtà un certo numero di iscritti, perché forse, programmare incontri nell’imminenza di giugno potrebbe essere problematico per alcuni partecipanti. Il Presidente ricorda che, se si tratta di una sola data con impossibilità di seguire ci si può iscrivere lo stesso al primo corso di giugno. La frequenza è obbligatoria ma se una delle date è già stata programmata altrimenti potremmo organizzarci in modo da farvi avere la registrazione del corso live in maniera che possiate superare il fatto di non avere seguito una lezione.

Marina Civano chiede se per seguire uno specifico incontro live occorra avere già ascoltato il corrispondente modulo on line. In particolare chiede se prima dell’incontro del 13 giugno prossimo occorra avere ascoltato il primo modulo on line di MLE

Il Presidente ribadisce che c’è un legame tra le due parti e che l’ascolto di un certo modulo è propedeutico a un certo incontro live secondo le indicazioni che di volta in volta daranno i docenti del laboratorio live. Ricorda che, in ogni caso, l’ascolto del primo modulo in vista dell’incontro live del 13 giugno è molto semplice perché riguarda la respirazione, postura, ecc. e che in ogni caso si tratta di pochi minuti di ascolto che non dovrebbero impedire a nessuno l’scrizione al primo corso live.

La consigliera Roda aggiunge che il primo degli incontri live è organizzato dai docenti per conoscere la classe, per individuare i punti di forza e di debolezza di ciascuno, per rispondere a domande. Alla fine di ogni incontro live i docenti confermeranno l’argomento dell’incontro successivo in modo che i partecipanti possano organizzare l’ascolto del corrispondente modulo on line.

Dal punto di vista organizzativo il Presidente chiede una mail di prenotazione ai tre diversi corsi (scrivere ad adovgenova@gmail) per potere gestire la partecipazione (liste di partecipanti, versamento della quota di iscrizione ecc.). Nella mail potete indicare la data di inizio di preferenza per il corso.

Nell’imminenza di inizio del corso comunicheremo la cosa a coloro che sono stati accettati e vi chiederemo di pagare la quota di 25 € o attraverso la pagina del nostro sito-donazioni o con un bonifico. Si tratta di 5€ a incontro e la richiesta non è fatta per contribuire a un investimento che, comunque, l’associazione ha fatto in base alle finalità statutarie ma per responsabilizzare ciascun partecipante alla frequenza costante. Chi si iscrive ha un impegno che, per quanto piccolo, deve prendere sul serio; ha preso il posto di un altro; partecipa a un’attività per la quale l’associazione spende energie e risorse notevoli; ha di fronte un team di docenti professionali e preparati ecc. Chi avesse difficoltà per la cifra, ma fosse interessato a seguire basterà lo comunichi alla Presidenza per la ricerca di una soluzione compatibile.

Dopo queste operazioni vi verrà mandato un link per perfezionare la preiscrizione ed entrerete nel sito dell’incontro live con le credenziali che riceverete in ritorno alla preiscrizione.

 

 

Punto 4)   La nuova Biblioteca:

o    Statistiche di iscrizione 
(CTRL+click per accedere al documento)

 

Sapere chi sono gli utenti e come si comportano è fondamentale per lo sviluppo delle attività dell’associazione e per l’attività di promozione.

La separazione da Pavia, dopo 8 anni, ha comportato per noi una ripartenza ex novo perché Pavia non ci ha fornito dati adatti alle valutazioni di funzionamento se non una generica somma di circa 600 persone iscritte alla biblioteca come dislessici.

Il Presidente illustra in condivisione i dati di iscrizione contenuti nel documento che è stato inviato a tutti i soci in vista dell’assemblea, informando che per un errore materiale sei mesi dei dati dell’anno 2021 sono andate perse (agosto-dicembre 2021).

Illustra con tabelle l’andamento delle iscrizioni, l’età degli iscritti (con alcuni utenti fuori adulti), la distribuzione geografica territoriale, con una prevalenza delle regioni settentrionali e dei piccoli centri rispetto alle grandi città.

La ristretta presenza di iscritti prima dei 7 anni conferma forse il fatto che prima di quell’età ancora non è avvertita né la necessità né l’importanza di un avvio alla lettura.

Il collegamento si interrompe e riprende alle 10:19. Entra la socia Elena Pezzali. Marina Civano lascia l’assemblea. Paolo Martinelli lascia l’assemblea.

Dopo il rientro dei i soci l’assemblea riprende alle 10:32.

Continua l’illustrazione dei dati di iscrizione.

Il Presidente ricorda che gli iscritti a Pavia (in numero non identificabile) non hanno cessato di usare la biblioteca di Pavia. Un buon numero di loro continua a usare la biblioteca senza avere rifatto l’iscrizione alla nostra nuove Biblioeca, con le nuove modalità e, avendo fin da allora chiesto l’invio della nostra newsletter, continuano a riceverla. Certo non possono più scaricare i nuovi titoli che dallo scorso aprile 2021 sono ospitati solo nel nostro sito ma continuano a scaricare i vecchi (oltre 500 titoli sono presenti ANCHE nella biblioteca di ADOV PAVIA). Probabilmente passano alla nuova solo se trovano, magari tramite l’aggiornamento fornito loro dalla newsletter, titoli che possano interessarli.

 

La consigliera Antonella Mongiardino ricorda che la pubblicità dal basso e il passaparola sono importanti perché non abbiamo molti altri mezzi per farci conoscere e sollecita i soci a farsi carico del passaparola presso conoscenti e amici. Ricorda che nel sito è disponibile materiale informativo che si può scaricare e distribuire secondo necessità.

Il Presidente conclude che dall’analisi dei dati esce la constatazione che la maggior parte dei nostri iscritti ci trova di sua iniziativa, come risposta a una esigenza personale e non sollecitata da una nostra campagna informativa (cita il caso dei tre iscritti sardi).

Il fatto cruciale è che la domanda è molto rara e dispersa perché i ragazzi dislessici vivono le difficoltà di lettura come un ostacolo e le richieste di iscrizione arrivano solo da persone fortemente motivate. Con molta probabilità un canale importante sono i siti dell’AID, che conoscono il nostro lavoro e sono iscritti alla newsletter, e che a livello territoriale supportano le famiglie con problemi di dislessia.

Una modalità di promozione, alla quale abbiamo pensato più volte ma alla quale non siamo mai riusciti a dare seguito in modo sistematico passa attraverso l’utilizzo dei social network, con particolare attenzione ai gruppi di autoaiuto dei genitori.

La socia Maristella Campagnola chiede se può contattare direttamente logopedisti per fare conoscere la nostra biblioteca e invitarli a fare da tramite con le famiglie che possono avere bisogno del nostro specifico supporto e la risposta è positiva. Il Presidente ribadisce che il passaparola è uno degli strumenti a nostra disposizione per farci conoscere, ma che il punto di svolta che può spingere verso l’iscrizione alla nostra biblioteca è la considerazione che il ragazzo ha verso l’adulto che fa da tramite.

La consigliera Mongiardino legge un messaggio di una socia Maria Luisa Pili  che le ha inviato delega per l’assemblea. La socia sostiene che il passaparola non è sufficiente per buoni risultati e apprezza la produzione e il passaggio televisivo del filmato promozionale che l’associazione ha prodotto negli scorsi mesi e che è stato trasmesso dalla RAI. Suggerisce come possibili tramiti di informazione anche i centri di certificazione delle problematiche legate alla dislessia.

La consigliera Serena Alemanni chiede la ristampa di materiale informativo per la distribuzione.

La consigliera Roda ribadisce che, per una piccola associazione come la nostra le azioni di promozione e comunicazione sono molto onerose soprattutto in termini di risorse umane e invita tuti i soci che volessero collaborare a proporsi al consiglio

 

o    Statistiche di utilizzo
(CTRL+click per accedere al documento)

 

Il punto sulle statistiche di utilizzo della biblioteca è illustrato dalla consigliera Roda che mostra e commenta il documento che è stato inviato ai soci in vista dell’assemblea e che è disponibile nel sito.

In mancanza di dati continuativi per tutto il periodo di esistenza della biblioteca vengono illustrati i dati disponibili per i due segmenti temporali tra aprile e luglio 2021 e a partire del gennaio 2022.

Per il periodo intermedio si offre una prospezione di utilizzo stimata, conoscendo il numero degli iscritti del periodo e la percentuale di utilizzo dei periodi con disponibilità di dati.

Il presidente interviene spiegando come sono state effettuate le stime. Misurando la proporzione tra utenti e download/libri scaricati nei periodi noti si è usata una proporzione analoga (più prudenziale) per stimare i download/libri scaricati per il periodo di cui non sono disponibili i dati.

Roda illustra i dati relativi all’età degli utilizzatori, ricavata dalla classificazione di libri scaricati in base alla etichetta libro: ‘adatto all’età di..’ . Il criterio è approssimativo, ma i dati ricavati sono in linea con le rilevazioni Istat sull’età della popolazione lettrice in Italia.

La riunione si interrompe alle 10:59 e riprende alle ore 11: dopo il rientro dei soci.

L’ultimo dato di utilizzo illustrato riguarda la natura delle scelte che gli utenti fanno per i download. Una tabella riassume le diverse categorie sulla base delle quali sono stati classificati i libri scaricati dagli utenti. I dati di maggiore rilievo riguardano titoli della narrativa d’autore, non necessariamente prodotta per ragazzi (con i libri di Italo Calvino in particolare rilievo) e i titoli dei classici della letteratura per ragazzi.

Da queste due scelte così marcate omogenee si può formulare l’ipotesi che non siano i ragazzi a scegliere i libri da leggere ma adulti, famiglia o scuola. Un dato importante riguarda le scelte che i nostri utenti fanno in relazione al ricevimento della newsletter mensile. Con l’andare dei mesi l’incidenza dell’informazione via mail circa le novità della biblioteca ha un peso rilevante sulle scelte degli utenti.

In conclusione la consigliera ricorda che questi dati qualitativi sono molto importanti anche perché suggeriscono direzioni e, eventuali correzioni, della nostra politica editoriale, indirizzando la scelta dei libri da acquistare.

Punto 5) Approvazione dei Bilanci

·         Presentazione della relazione di Bilancio per l’anno 2021
(CTRL+click per accedere al documento)

Il presidente espone la situazione finanziaria dell’Associazione, illustrata nei documenti di Bilancio inviati ai soci e presenti nel sito e ricorda che il bilancio per l’esercizio solare 2021 deve essere approvato dall’assemblea in vista del successivo controllo da parte degli organi di controllo e tutela.

·         Presentazione della relazione di Bilancio per l’anno maggio 2021 aprile 2022
(CTRL+click per accedere al documento)

Noi pubblichiamo, comunque, anche un nostro bilancio annuale che parte da aprile e termina nel maggio successivo sia perché l’associazione si è costituita secondo questa scadenza, nel 2010, sia perche è a fine aprile che i soci non in regola con le quote di iscrizione decadono ed è possibile fare il punto sulle entrate di bilancio derivanti dalle quote medesime e sul numero reale dei soci. Il Presidente mostra in condivisione il prospetto del bilancio che illustra nelle voci essenziali.

Il bilancio chiude con un avanzo di esercizio di 3.300 € portando la dotazione finale a 10.000 €.

Dopo molti anni di passivo ora l’associazione è in attivo (dal 2020) dopo che negli anni precedenti aveva pesato molto sui nostri bilanci l’acquisto delle licenze software. Il Presidente illustra le voci di entrata (quote, liberalità e 5xmille, per le quali c’è continuità rispetto agli scorsi anni) e di uscita (con voci principali il software e l’acquisto libri).

Il presidente anticipa che le spese maggiori per il prossimo esercizio (2021-2022) riguardano il progetto di formazione illustrato ai punti 2/3 della riunione e sottolinea la presenza (a zero euro) della voce di bilancio prestazioni di terzi. Ciò è fatto perché l’associazione avrebbe bisogno di un aiuto specializzato (esterno) per la parte amministrativa dell’associazione e che la collaborazione di terzi è un elemento positivo di valutazione delle attività di una associazione, da parte degli organi di controllo. Il Presidente ribadisce la opportunità di chiedere supporto al Celivo per queste operazioni. Alcuni membri dell’associazione hanno dato disponibilità per coadiuvare la presidenza per la gestione amministrativa.

Non essendoci domande da parte dei soci, il Presidente chiede l’approvazione del bilancio.

Il bilancio viene approvato all’unanimità per alzata di mano.

I Bilanci e le relative Relazioni ed Allegati sono pubblicati nella sezione TRASPARENZA del Sito dell’Associazione www.adovgenova.com

Dibattito, Conclusione e Chiusura dei lavori

Al termine dei lavori il Presidente ricorda che il maggiore successo dell’associazione è determinato dal suo funzionamento quasi del tutto autonomo grazie alla grande disponibilità e costanza da parte dei soci volontari. E’ veramente sulla buona volontà di tutti e sulla collaborazione di tutti che riusciamo a realizzare cento libri all’anno e a dare questo dono. Ringrazia tutti i volontari e chiede ai soci l’approvazione delle attività svolte e dei programmi futuri di sviluppo.

L’assemblea approva all’unanimità per alzata di mano.

In chiusura la consigliera Beatrice Ghersi ricorda e ribadisce l’importanza dei corsi di formazione che sono stati presentati e invita tutti all’iscrizione.

Il Presidente ringrazia e saluta tutti dichiarando conclusi i lavori dell’assemblea alle ore 12.03.

Data 21 maggio 2022

Il Presidente                        La Segretaria

________________

________________     _________________

IL PRESENTE VERBALE è
pubblicato nella sezione TRASPARENZA
del Sito dell’Associazione www.adovgenova.com

I Bilanci e le relative Relazioni ed Allegati
sono pubblicati nella sezione TRASPARENZA
del Sito dell’Associazione www.adovgenova.com

1 Comment

  1. Roberta Berretti ha detto:

    Mi spiace non potermi iscrivere ai corsi di lettura espressiva ma, come ogni anno, resterò fuori Genova da domani fino ad ottobre inoltrato. Spero che l’iniziativa venga ripetuta nel periodo novembre 2022/ maggio 2023, pur nella consapevolezza dell’onerosità che la stessa comporta per l’associazione.
    Saluti e buona estate.
    Roberta Berretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *